foto

 

Sara Marzocchi

 

Nutrire il corpo per “sentire” le ombre dell’anima

 

Questa tesi arriva dentro di me inconsapevolmente. Il seme è stato piantato nel 2011, senza che me ne accorgessi il mio stile di vita cambiò la mia vita, diradò la nebbia che c’era sopra il mio cuore e mi portò ad intraprendere un percorso di conoscenza, ma non in senso intellettivo, ma in senso spirituale profondo di me stessa.
Tutto accadde quando la mia alimentazione ebbe una svolta, in primavera, dopo anni di accumulo di peso, decisi che volevo dimagrire. Incontrai un nutrizionista, che dietro a quel titolo aveva un’anima, una comprensione, un non giudizio. Non fu come le altre volte, non avevo una tabella già prestabilita da seguire, ma degli strumenti da adattare a me stessa, delle indicazioni da fare mie. Tutti i giorni avevo un diario sul quale dovevo scrivere oltre a quello che avevo mangiato, come mi ero sentita. Una cosa nuova, cosa significava “sentirsi”? Tutte le mattine all’alba avevo un impegno con me stessa…

 

 

ico-pdf
 

Nutrire il corpo per “sentire” le ombre dell’anima